lunedì 8 luglio 2019

Giapponese lezione 124: Verbi transitivi e intransitivi


Verbi transitivi e intransitivi

Abbiamo già accennato alla presenza di verbi intransitivi e transitivi nella lezione 15. La distinzione che facciamo in linea di massima può essere fatta anche in giapponese, dobbiamo però tenere presente che i giapponesi non pensano in termini di verbi transitivi o intransitivi. Vediamo le analogie e le differenze.

In giapponese i verbi possono essere:

·         他動詞(たどうし), l’azione svolta da un agente attivo su un oggetto, quindi nella frase è presente la particella を(li possiamo pensare come verbi transitivi) ;

·         自動詞(じどうし)  azione che accade senza un agente attivo (li possiamo pensare come verbi intransitivi);

·         Misti.

Di solito nei dizionari possiamo notare che i verbi vengono classificati secondo la nostra definizione, quindi tra parentesi troveremo l’indicazione VT per verbi transitivi o VI per verbi intransitivi.

Esistono poi una manciata di verbi assolutamente intransitivi ed assolutamente transitivi.

Verbi assolutamente intransitivi:



ある                           Essere, esistere

いる                           Essere, esistere

行く いく               Andare

来る くる               Venire

働く はたらく       Lavorare

死ぬ   しぬ                morire

泣く  なく           Piangere

座る すわる           Sedersi, sedere

Verbi assolutamente transitivi:

飲む             のむ                Bere

読む             よむ                Leggere

食べる         たべる            Mangiare

作る             つくる            Fare, creare

買う             かう                Comprare

上げる         あげる            Dare, offrire

もらう            もらう            Ricevere

殺す        ころす            Uccidere



Esistono poi le coppie di verbi自動詞 -他動詞, caratterizzate dall’avere lo stesso significato e kanji, ma con desinenza diversa.  Per far capire in cosa consistono queste coppie, vediamo un esempio tipicamente usato in questo caso.

Consideriamo il verbo italiano “aprire”, che usiamo sia in forma transitiva che intransitiva:

Io apro la porta.

La ditta apre alle nove.


In giapponese per queste due frasi dovremmo usare due verbi diversi che costituiscono una “coppia” di verbi自動詞 -他動詞:

  • ()ける transitivo.
  • ()  intransitivo;


Per cui avremo:

Io apro la porta.                                                         私は戸口を開ける。

La ditta apre alle nove.                                           会社が九時に開く。

Chi ha aperto la finestra?                                           誰が窓を開けた?

Perchè è stata aperta la finestra?                               窓がどうして開いた?



Un’altra coppia “famosa” è 始まる/始める dal significato di iniziare:

(はじ)まるintransitivo;

(はじ)めるtransitivo.



Il corso di letteratura inizia.                                      文科が 始まる よ。

Il maestro ha iniziato il corso di letteratura.              先生 は文科を 始めた。



Passiamo ad un esempio più complicato, la coppia (つか)まる/(つか)まえる, dal significato di prendere, catturare. Complicato perché la forma intransitiva può essere tradotta in italiano solamente usando la forma passiva, PUR NON ESSENDO UN VERBO PASSIVO in giapponese ( i verbi passivi visti nella lezione 99).

  • ()(つか)まえるtransitivo.
  • (つか)まる    intransitivo;

Ho catturato un pesce grande.                                  私は大きな(さかな)(つか)まえた。


Usando (つか)まる, dobbiamo per forza tradurlo con una forma passiva del verbo, non ci sono altri modi:

Il ladro è stato catturato                                            泥棒(どろぼう)はつかまった。

Analogamente, in altre coppie il verbo 自動詞(じどうし) necessita di essere tradotto come un verbo riflessivo, vedasi ad esempio la coppia()/()える spegnere. In questo caso è diversa anche la pronuncia.



Spengo le luci.                                                           電気消す。

Le luci si spengono.                                                   電気消える。



Vediamo una tabella non esaustiva con altri esempi di coppie di verbi.






Transitivo


Intransitivo




出す


portare fuori


出る


uscire; partire




入れる


inserire


入る


entrare




開ける


aprire


開く


essere aperto




閉める


chiudere


閉まる


essere chiuso




つける


attaccare


つく


essere attaccato




消す


cancellare


消える


scomparire




抜く


estrarre


抜ける


essere estratto




Vediamo alcuni esempi sulla coppia ける/点くche significa “accendere:

Io ho acceso le luci.                                       私が電気(でんき)つけた。

Le luci sono accese.                                       電気がついた。

martedì 21 maggio 2019

Giapponese lezione 123: Ma, comunque

Lo scopo di questa congiunzione in italiano è fare una opposizione ad una frase, oggetto, azione etc. Esempi in italiano:
“Ho fame ma non mangio.”
È antipatica ma bella.”
“Ieri sono andato al cinema ma il film non mi è piaciuto.”
In italiano abbiamo altre congiunzioni che usiamo al posto di "ma", ad esempio "però" o "comunque". In giapponese abbiamo diverse possibilità pe costruire una proposizione avversativa, e come vedremo alla fine della lezione, possiamo usarle anche come una congiunzione.

 が

Si usa alla fine della prima frase, a cui segue la frase che si contrappone. Il suo uso da un senso di asserzione in chi parla, spesso è usato da persone in alta posizione oppure nel linguaggio scritto formale. Di solito è attaccato a verbi nella forma in ますo 〜です.
Frase 1, ma frase 2.                                                  Frase 1, frase 2.

Questo libro è caro ma l’ho comprato.                      この本は高いですが、買いました。
Anche qui il tempo è ancora freddo, ma sto bene.    こちらもまだ寒いですが元気です。
Queste calze sono sottili ma robuste.                        この靴下は薄ですが、丈夫です。
In Italia piove, ma c’è caldo.                                    イタリアでは雨が降っていますが、暑いです。
Di solito vado a piedi, qualche volte col bus.           大抵は歩いて行きますが、時々バスで行きます。
Qui il tempo è un po’ freddo ma pulito.                                こちらは少し寒いですが晴れています。

けど、けれど,  けれども 

La sua collocazione nella frase è identica a , ma è leggermente meno cortese e di solito si usa attaccato ad un verbo in forma piana.
Frase1 +Ma + frase2.                                              Frase1 +けど + frase2.

·         けど è privilegiato nel parlato comune informale e nel linguaggio scritto.
·         けれど è sempre informale, ma è usato quasi solamente nel linguaggio scritto.
·         La forma estesa けれども è più cortese ed è usata in ugual modo nello scritto e nel parlato.

È piccolo, ma pesante.                                              これは小さいですけど、重い。
È caldo, ma buono.                                                    辛いけど、美味しい。
L’ho letto ma non l’ho capito.                                   読んだけど、分かりませんでした。

Se nella frase 1 è presente un nome o un NA aggettivo, occorre esplicitare la copula:
Oggi sono libero, ma domani sono occupato.           は暇だけど、明は忙しい。

でも

Etimologicamente alcuni considerano でも composto dalle particlle  +, altri lo considerano alla stregua di  けれども.  Il suo uso principale è quello in una   frase a se stante, con でも all’inizio della stessa, ma deve essere sempre inserita in un contesto discorsivo. Il significato è “ma”, però può essere usato anche come “anche se”: dipende sempre dal contesto!  La costruzione è la seguente:

Ma + frase.                                                   でも+ frase.

Ma non son ancora esperto.                           でもまた上手じゃありません。

Oppure può essere usata per congiungere due frasi. Anche in questo caso va messa all’inizio della frase avversativa e può essere seguita dalla virgola.
Frase 1+  ma +frase2                                   Frase 1+ でも+frase2

Ho 14 yen, ma non 15.                          拾四円持(じゅうよんえんも)っていますでも十五円(じゅうごえん)じゃありません。
Mi piace il giapponese ma odio il francese. 日本語が好きでも、フランス語はきらいです。

然し 

(しか) parola formale che può essere usata  come apertura di una frase, ma ovviamente in questo caso va contestualizzato al discorso. Vediamo i seguenti esempi.
Ma non studio tanto.                                               (しか)(あま)勉強(べんきょう)をしません。
Ma ciò è molto difficile.                                      しかし、それはとても難しいことです。
Ma ora la città dove vivo è Tokyo.                            しかし、今住んでいるのは東京です。  
Ma lui era fortunato.                                                  しかし彼は幸運だった。
Ma lui era anche eccitato.                                          しかし彼はまた興奮していた。
Ma lui non conosceva ancora questa cosa.                しかし彼はそのことをまだ知らない。
Ma non sei qui.                                                          しかし君はそこにいない。
Come in italiano, si può anche mettere nelle domande:
Ma perché? しかしなぜ。
Oppure può essere usata per separare due frasi come nei seguenti esempi.
L’inverno è freddo, ma mi piace.                  (ふゆ)(さむ)い、しかし(わたし)は好きだ。  
Voglio morire ma non posso.                        ()にたい、しかしできない。  

Riassunto

Vediamo un esempio di discorso e come potremmo scriverlo usando le diverse traduzioni.

Questo film che tipo di film è?         この映画はどんな映画ですか。
Triste ma bello.                                 
悲しい。でも、きれいです。
                                                           悲しいが、きれいだ。
                                                           悲しいけど、きれいです。

Utilizzo non disgiuntivo

Vediamo infine alcuni esempi di uso delle suddette particelle come una congiunzione tra due frasi:
Sono andato al negozio e c'era un sacco di cose buone. デパートにきましたが、いい物がたくさんありました。
Ho visto un film ed era interessante.                                     映画をたけど、⾯⽩かった。