giovedì 26 settembre 2019

Giapponese lezione 128: Frasi con tono giustificativo の/のだ/んだ

Particella finale giustificativa /のだ/んだ
Qui ci ricolleghiamo a quanto visto nella lezione 59 e lezione 127 che riguardavano l'uso delle particelle finali, tra cui rientrava anche の. Avevamo detto che con valore attenuativo/giustificativo serve ad ammorbidire il tono della frase e chiedere conferma all'interlocutore. Insomma, è molto simile alla particella ね. E' anche usato assieme alla particella ね, come vedremo dopo.



Per prima cosa vediamo tutte forme usate:

·         の    Informale femminile

·         のだ    Formale, usato prevalentemente nel linguaggio scritto;

·         んだ  Informale, usato prevalentemente nel linguaggio parlato.



Detto questo, bisogna capire cosa differenzia una frase con questa particella ed una senza. Quando usiamo questa particella, lo facciamo per distinguerla da una frase che da semplicemente una informazione.



Ad esempio, chiediamo ad una ragazza se è libera per fare qualcosa, lei può rispondere semplicemente così:

Ora sono occupata.                                                                今は忙しい。



Se invece sente il bisogno di avere un tono giustificativo aggiungiamo la particella finale, e potremmo tradurla in italiano con una frase che inizia con "il fatto è che…":



Il fatto è che ora sono occupata.                                            今は忙しいの。

Il fatto è che ora sono occupato.                                           今は忙しいのだ



Esempi domanda e risposta.

Dove vai?                                                                              どこに⾏くの?

E' che vado a scuola.                                                              学校に⾏くんだ。



Spesso, il nostro tono giustificativo lo facciamo anche in funzione della domanda, quando capiamo che è richiesta una spiegazione.



Finora tutto semplice, però per la forma negativa come si fa? E per il passato? Ci sono due modi di coniugare:

·         coniugare のだ/んだ;

·         mettere のだ/んだ a fine frase dopo l'elemento già coniugato (verbo o aggettivo).



Inoltre, il comportamento è diverso a seconda che si tratti di Na-Aggettivi, I-aggettivi, nomi o verbi. Alto particolare da sapere prima dia addentrarci in questo argomento è che la forma negativa cortese inません non è usata con la formula giustificativa, in quanto già la forma piana + のだ/んだ è considerata cortese.  Entriamo nel dettaglio.

NA-aggettivi


Ecco lo specchietto per gli Na Aggettivi, diviso secondo le due tipologie di utilizzo della particella, ed ogni modalità diviso a seconda che si voglia usare のだ, んだ o の. Le voci barrate sono usate molto raramente.




のだ/んだ  coniugato
a fine frase dopo l'elemento già coniugato

んだ
のだ
femminile
んだ
のだ
 femminile
Presente informale
~なんだ
~なのだ
~なの
~んだ
~のだ
~の
Presente formale
~なんです
~なのです

~んです
~のです
~の
Presente negativo
~なんじゃない
~なのじゃない

~んだ
~のだ
~の
Passato
~なんだった
~だった

~んだ
~のだ
~の
Passato negativo
~なんじゃなかった
~じゃなかった

~んだ
~のだ
~の



Esempi


Sostantivi


Ecco lo specchietto per i sostantivi, di fatto uguale al precedente.  Le voci barrate sono usate molto raramente.


のだ/んだ  coniugato
a fine frase dopo l'elemento già coniugato

んだ
のだ
femminile
んだ
のだ
 femminile
Presente informale
~なんだ
~なのだ
~なの
~んだ
~のだ
~の
Presente formale
~なんです
~なのです
-
~んです
~のです
~の
Presente negativo
~なんじゃない
~なのじゃない

~んだ
~のだ
~の
Passato
~なんだった
~だった

~んだ
~のだ
~の
Passato negativo
~なんじゃなかった
~じゃなかった

~んだ
~のだ
~の



Esempi



Il fatto è che non sono un insegnante.            先生じゃないんだ。

I-aggettivi




Vediamo lo specchietto per gli I-Aggettivi.


のだ/んだ  coniugato
a fine frase dopo l'elemento già coniugato

んだ
のだ
femminile
んだ
のだ
 femminile
Presente informale
~んだ
~のだ
~の
~んだ
~のだ
~の
Presente formale
~んです
~のです
-
~んです
~のです
~の
Presente negativo
~んじゃない
~のじゃない

~んだ
~のだ
~の
Passato
~んだった
~のだった

~んだ
~のだ
~の
Passato negativo
~んじゃなかった
~のじゃなかった

~んだ
~のだ
~の



Esempi



Il fatto è che ero occupato.                                                   忙しかったんだ。



Verbi




Vediamo lo specchietto per i verbi, uguale a quello per gli I-aggettivi.


のだ/んだ  coniugato
a fine frase dopo l'elemento già coniugato

んだ
のだ
femminile
んだ
のだ
 femminile
Presente informale
~んだ
~のだ
~の
~んだ
~のだ
~の
Presente formale
~んです
~のです
-
~んです
~のです
~の
Presente negativo
~んじゃない
~のじゃない

~んだ
~のだ
~の
Passato
~んだった
~のだった

~んだ
~のだ
~の
Passato negativo
~んじゃなかった
~のじゃなかった

~んだ
~のだ
~の



 
La particella なの
Riconsideriamo l'esempio della lezione precedente:

Per quanto riguarda il libro di Mishima, è mio.        みしまの(ほん)、私の だ。

In questo caso, essendo chiaro che stiamo parlando di un libro (ほん), lo abbiamo omesso nella seconda parte della frase. Ma immaginiamo di leggere solo 私のだ。Il dubbio che dovrebbe venirci non conoscendo il contesto è: ma sta specificando il possesso di qualcosa che non conosco, oppure è solo un tono giustificativo?



Ebbene per distinguere un predicato nominale dal possesso si usa la particella なの:

È mio.                                                                                                私の だ。

Sono io (con tono giustificativo).                                                      私なの だ。



Genericamente ho scritto che la particella serve per un uso giustificativo della frase. Volendo essere precisi esistono diversi tipi di giustificazione.

Ragione, motivo


Esprime un motivo. Può essere conseguenza di una frase detta prima, ad esempio:

Per quanto riguarda la bicicletta, non la compro. È troppo cara. 自転車(じてんしゃ)()わない (たか)いんだ

Non vado a lavoro. Ho un raffreddore.                                 会社(かいしゃ)()かない 風邪(かぜ)なんだ

Dell'Italia son famosi gli spaghetti. Sono buoni. イタリアはスパゲッティが有名(ゆうめい)です。美味(おい)しいんです。

Oggi non dormo, studierò.                                        今日(きょう) ()ません。   (べん)(きょう)する んです。



Non per forza deve essere accompagnata da una frase come sopra, ma si può usare anche scompagnata se vogliamo dare una spiegazione.

Interpretazione


In accoppiata con la particella ね, ha una funzione di interpretazione, nel senso che chiediamo conferma di quello che pensiamo.

È piccante vero?                                                        (から)いんですね



Deduzione


Terza funzione è quella di deduzione di qualcosa, di scoperta in senso però non materiale.

Ad esempio, andando per la prima volta in Giappone, non avendolo mai visto:

Questo è il Giappone.                                    これが日本なん



Conclusione


Quarta funzione è per dare una giustificazione ad un ragionamento, quando arriviamo alla conclusione.

Tanaka non è americano.  E' giapponese.                 田中はアメリカ人じゃない。日本人なんだ。

Osservazione preliminare


Ultima funziona, notiamo che diversamente dalle altre è usata PRIMA, serve a rimarcare preliminarmente un discorso appena iniziato.

Roma è fredda. Ti occorre una giacca.          ロー()(さむ) んです。 (うわ)() いります。




Nessun commento:

Posta un commento