Adblocker

lunedì 5 ottobre 2015

Giapponese (lezione 51): Dovere

La premessa principale è che in Giappone non esiste il verbo dovere, ma si ricorre a giri di parole più o meno complicati, come ad esempio” non è cosa buona se non fai questo”, oppure fare questo è una cosa buona”. La brutta notizia è che esistono tanti e diversi modi per esprimere il concetto di dovere in giapponese, alcune simili tra di loro, ma con sfumature e livelli di cortesia diversi. Iniziamo con le forme più utilizzate.
Dovere necessario ばならない
Per un dovere che è una necessità, si usa la forma del condizionale (base B5 a cui si aggiunge vedi lezione 40) segue poi ならない o なりません per la forma cortese. Questa è una delle formule che più si adatta a tutte le situazioni, da usare per i principianti. Vediamo lo schema sintattico:

Devo + Verbo.                                  Verbo Condizionale+ならない。(forma piana)
                                                           Verbo Condizionale+なりません。(forma cortese)

Devo scrivere una lettera.                                 手紙を書かなければなりません。
Devo andare in Giappone.                                日本へ行かなければなりません。
Domani devo andare in banca.                         明日勉強へ行かなければなりません。
Ogni giorno devo studiare i kanji.                    毎日漢字を勉強しなければなりません。
Nella stanza devi togliere le scarpe.                 部屋(へや)では(くつ)()がなければなりません。
Per imparare i kanji devo studiare ogni giorno.      漢字を覚えるように毎日勉強しなければなりません。

Dovere necessario ばいけない

Per un dovere che è una necessità, si usa la forma del condizionale (base B5 a cui si aggiunge vedi lezione 40) segue poi いけない o いけません per la forma cortese. Questa parola altro non è che il verbo 行く al negativo che assume questo particolare significato. Anche questa è una delle formule che più si adatta a tutte le situazioni, da usare per i principianti. Vediamo lo schema sintattico:

Devo + Verbo.                                  Verbo Condizionale+いけない。(forma piana)
                                                           Verbo Condizionale+いけません。(forma cortese)

Devo scrivere una lettera.                                 手紙を書かなければいけません。

Dovere necessario ばだめ

Per un dovere che è una necessità, si usa la forma del condizionale (base B5 a cui si aggiunge vedi lezione 40) segue poi だめ o だめです per la forma cortese. Anche questa è una delle formule che più si adatta a tutte le situazioni, da usare per i principianti. Vediamo lo schema sintattico:

Devo + Verbo.                                                Verbo Condizionale+ならない。(forma piana)Verbo Condizionale+なりません。(forma cortese)

Dovevo studiare.                                                       勉強しなければだめだった
 Dovere, obbligo generale といけない /といけません
Partiamo dalla costruzione usata per esprimere un obbligo generico: si usa il presente negativo (detto anche Naikei, perché di solito termina in “ない”) seguita da +いけない o +いけません per la forma cortese. La costruzione si può anche fermare alla particella , risultando ovviamente informale.

Devo + Verbo.                    Verbo Naikeiと。
                                                                                    Verbo Naikeiといけない。
                                             Verbo Naikeiといけません。

Devo fare una operazione.               オペをしないといけません。
Devo fare una operazione.                     オペをしないと。
 Dovere, obbligo とならない /となりません
Si usa il presente negativo (detto anche Naikei, perché di solito termina in “ない”) seguita da+ならない, oppure となりません per la forma cortese. Anche in questo caso la costruzione si può anche fermare alla particella.

Devo + Verbo.                                                   Verbo Naikeiと。
                                                                                   Verbo Naikeiとならない。
                                              Verbo Naikeiとなりません。

Devo andare a casa.                                                  家に行かないとならない。

Dovere, obbligo とだめ

Si usa il presente negativo (detto anche Naikei, perché di solito termina in “ない”) seguita da+だめ che possiamo tradurre come “non buono”. Per la forma cortese basta aggiungere です. Anche in questo caso la costruzione si può anche fermare alla particella .
Devo + Verbo.                   Verbo Naikeiと。
                                                                               Verbo Naikeiとだめ。
                                            Verbo Naikeiとだめです。

Devo andare a casa.                                              家に行かないだめです。

Dovere forte はならない

Per indicare un dovere forte, si usa la Tekei in forma negativa seguita da + ならないo da なりません per la forma cortese.  Il significato indica anche in questo caso una cosa "non buona da fare".

Schema sintattico:
Devo + Verbo.                                                      Verbo Tekei negativo ++ならない。
                                                                               Verbo Tekei negativo ++なりません。


Per la forma negativa, basta usare la te kei al positivo.

Non devo + Verbo.                                              Verbo Tekei  ++ならない。                                                                    Verbo Tekei  ++なりません。

Non devi parlare.                                                   してならない。

Dovere forte はいけない/ はいけません

Per indicare un dovere forte, si usa la Tekei in forma negativa seguita da +いけない o da  いけません per la forma cortese.  Il significato indica una cosa “per niente non buona”. Vediamo subito un esempio per chiarire le idee: la frase “Devo bere”. Traducendo letteralmente una costruzione del genere sarebbe “È una cosa molto non buona non bere.”, decisamente in italiano suona ingarbugliata, e la traduciamo con “dovere”.

Schema sintattico:
Devo + Verbo.                                                      Verbo Tekei negativo ++いけない。                                                                     Verbo Tekei negativo ++いけません。
Da sottolineare che questa costruzione è usata soprattutto quando il soggetto è la seconda persona (singolare o plurale).

Devo bere.                                                        飲まなくてはいけません。
Ad aprile devo andare a Roma.                       四月にローマへ行かなくてはいけません。
Devi bere.                                                        あなたは飲まなくてはいけません。

Per le frasi al passato, si declina いけない:
Non dovevo + Verbo.                                                Verbo Tekei ++いけなかった

Dovevo studiare.                                                       勉強しなくていけなかった。

Per la forma negativa, basta usare la te kei al positivo.

Non devo + Verbo.                                              Verbo Tekei  ++いけない。(forma piana)
Non devo + Verbo.                                              Verbo Tekei  ++いけません。(forma cortese)

Tu non devi mangiare.                                     あなたはあなたは飲んではいけません。

Dovere forte はだめ

Un altro modo per esprimere “dovere” si ottiene con la parola だめ che è un NA aggettivo avente come kanji: 駄目 e che possiamo tradurre come “non buono”, il che ci riconduce al giro di parole visto all’inizio del paragrafo: non è buono se non fai...”. Vediamo subito le costruzioni positiva e negativa e i relativi esempi:

Devo + Verbo.                       Verbo Tekei negativo ++だめ(forma piana)
Devo + Verbo.                       Verbo Tekei  negativo ++だめです(forma cortese)

Devi bere.                                                     飲まないではだめです。

Non devo + Verbo.               Verbo Tekei  ++だめ(forma piana)
Non devo + Verbo.               Verbo Tekei  ++いだめです。(forma cortese)


Non devi bere.                                                飲んではだめです。
 Obbligo morale べき

Per un senso del dovere di tipo morale, si usa la forma del dizionario Jisho kei seguita da べきです。La copula è declinabile per ottenere frasi al passato o altro.

Devo + Verbo.                                                     Verbo Jisho+べきです。

Devo scrivere una lettera.                                      手紙を書くべきです。
Devo dire la verità.                                                真実(しんじつ)を言うべきだ。
Dovevo stare a casa                                              私は家にいるべきだった。
Si può usare anche il condizionale per tradurlo in italiano:

Dovrei obbedire.                                                     従うべきです。

Nessun commento:

Posta un commento