lunedì 23 aprile 2018

Giapponese lezione 110: Il linguaggio onorifico

Forma Onorifica 敬語 (けいご)

In questa lezione rifacciamo un po’ di ordine sulle forme di cortesia nella lingua giapponese. Finora abbiamo parlato di forma cortese da usare verso persone  di una certa posizione sociale o verso gli sconosciuti. Ebbene, questa forma, che abbiamo chiamato ますけい, è un sottoinsieme del complesso universo della forma onorifica giapponese.


Il linguaggio onorifico giapponese 敬語 (けいご) è un insieme di modalità linguistiche utilizzate in giapponese per enfatizzare il rapporto fra gli interlocutori, in relazione all'età, alla posizione sociale e al grado di intimità esistente. Può essere usato per esprimere alternativamente un atteggiamento di rispetto, umiltà, intimità o distacco. L’uso non è banale, esistono libri  e manuali giapponesi che trattano solo di questo. In questa lezione provo a dare una classificazione per fare un po’ di ordine mentale.

In giapponese si distinguono abitualmente tre tipi di linguaggio onorifico: 


·       Linguaggio di cortesia (丁寧語 ていねいご) è quella che abbiamo finora chiamato forma cortese o ますけい;

·       Linguaggio rispettoso (尊敬語 そんけいご);

·       Linguaggio umile (謙譲語 けんじょうご o 謙遜語 けんそん語).


Alcuni manuali considerano anche le seguenti categorie:


·       Linguaggio educato (丁重語 ていちょうご);

·       Linguaggio dei vezzeggiativi (美化語 びかご);

·       Linguaggio colloquiale(口語体 こうごたい);

·       Slang  (俗語 ぞくご).

Tutti i tipi di linguaggio onorifico comportano modifiche alla struttura della frase. 


Il linguaggio di cortesia (丁寧語)


Il linguaggio di cortesia è quello che finora a volte abbiamo chiamato ますけい, anche se con questo termine si indica la forma verbale cortese rispetto a quella del dizionario. Non ci addentriamo oltre in questa parte del discorso, che ormai conosciamo bene.


Il linguaggio rispettoso (尊敬語 )

Il 尊敬語 esprime un rispetto anora maggiore del 丁寧語, e viene utilizzato principalmente in ambito lavorativo. Ad esempio è il linguaggio che il venditore usa verso il cliente, o l’impiegato verso il suo superiore. Non è invece mai usato per parlare in prima persona di se stessi.

Il sonkeigo prevede la modifica dei verbi, e può avvenire secondo quattro modalità:

  • Sostituzione del verbo con un altro equivalente e più rispettoso. Vediamo una tabella non esaustiva.

Forma normale
Forma di rispetto
Masu kei
いる
いらっしゃる
いらっしゃいます
する
なさる
なさいます
である
でいらっしゃる
でいらっしゃいます
来る
いらっしゃる
いらっしゃいます
知る
ご存知である
ご存知であります
行く
いらっしゃる
いらっしゃいます
言う
おっしゃる
おっしゃいます
寝る
お休みになる
お休みになります
来る
いらっしゃる
いらっしゃいます
着る
 お召しになる
 お召しになります
行く
おでになる
おでになります
見る
ご覧になる
(らん)になります
上げる 
下さる
下さいます
食べる
召し上がる
召し上がります
飲む
召し上がる
召し上がります



  • Per i verbi  che non hanno una forma onorifica si costruisce secondo lo schema:

お+ Masukei +になる

+ Masukei +になる

お+ Masukei +です

+ Masukei +です

+ Masukei +下さい

+ Masukei +下さい

Ad esempio il verbo”aspettare” 待つ diventa  お待ちになる oppure お待ちです.

Il maestro legge il libro.                                                     先生が本をお読みになります。

I verbi composti con する invece vengono costruiti secondo la regoletta, lasciando il nome che da il senso al verbo composto:

+nome+なさる

+nome+なさる

+ nome+下さい

+ nome+下さい

  • Infine, si può usare la forma passiva del verbo (lezione 99). Ad esempio il verbo aspettare 待つ diventa  待たれる .

Anche i sostantivi subiscono delle modifiche, sebbene in modo non così generalizzato come i verbi:

  • Sostituzione dei sostantivi riferiti all'interlocutore con altri equivalente e più rispettosi. Ad esempio la parola persona  si sostituisce con (かた)  
  • Utilizzo dei prefissi   e go. Esempio:   e  お車.
  • Utilizzo dei prefissi   e go. Esempio:   e  お車.
  • Utilizzo del prefisso (さま) dopo i nomi di persona.

Vediamo  infine alcuni esempi di frasi.

Quando sei venuto in Giappone?                   いつ日本にいらっしゃいましたか

Mangia per favore.                                         召し上がってください。

Hai già visto il nuovo film?                           新しい映画をもうご覧になりましたか。

Conosci bene Kyoto?                                    京都をご存じですか。



Il linguaggio umile (謙譲語 )

Il linguaggio umile si usa assieme al sonkeigo in ambito professionale,  quando parliamo di noi stessi con qualcuno di importante.

Come il sonkeigo, anche il kenjōgo prevede la modifica di alcune forme verbali, in questo caso quelle riferite al parlante.

·       Sostituzione del verbo con un altro equivalente e più umili. Vediamo una tabella, non esaustiva.

Forma normale
Forma di rispetto (piana)
Masu kei
ある
ござる
ございます
いる
おる
おります
する
いたす
いたします
たずねる
(うかが)
伺います
である
でござる
でござります
会う
()にかかる
お目にかかります
知る
(ぞん)じておる
存じております
行く
(まい)
参ります
言う
(もう)()げる
申し上げます
来る
おでになる
おでになります
着る
  お召しになる
お召しになります
行く
おでになる
おでになります
見る
 拝見(はいけん)する
拝見します
食べる
(いただ)
頂きます
飲む
(いただ)
頂きます



  • Per i verbi  che non hanno una forma umile allora si costruisce secondo lo schema:

+ Masukei +する

+ Masukei +する

+ Masukei +いたす

+ Masukei +いたす

+Masukei +(もう)()げる

+Masukei +(もう)()げる

Esempio: 待つ diventa  お待ちする.

Per i verbi composti di する, praticamente si toglie する e si mette (もう)()げる, lasciando il nome che da il senso al verbo composto:

+base +(もう)()げる

+base +(もう)()げる

Esempio il verbo rifiutare: 辞退(じたい)する con 辞退申(じたいもう)()げる.


Ovviamente, i verbi scritti qui sopra sono in forma piana, ma è giusto sapere che esiste anche la forma cortese del verbo onorifico, quindi ad esempio お待ちする diventa お待ちます!


Nel kenjōgo i sostantivi sono di solito sostituti con altri equivalenti e più umili. Ad esempio la parola regalo 贈り物 si sostituisce con  つまらない物


Vediamo  infine alcuni esempi di frasi.

Questo anno vengo in marzo.                去年の3月に参りました。

Ho visto quella foto.                              私はあの写真を拝見しました。


Suffissi onorifici più usati

Passiamo in rassegna alcuni dei suffissi onorifici più usati.

·       さんè il titolo onorifico più comune, ed è un titolo di rispetto usato praticamente fra persone di tutte le età, e può essere utilizzato sia in contesti formali che informali e per qualsiasi genere. E’ usato persino per indicare luoghi od oggetti inanimatiad esempio il monte Fuji è chiamato ふじさん.

·       (さま) forma onorifica diさん, usata verso i superiori in ambito lavorativo, o verso persone importanti.


Frasi idiomatiche

Dopo questa lezione prendono un nuovo senso alcune parole usate in frasi di circostanza.

 Ad esempio ございます deriva dal verbo di umiltà ござる, mentre 下さい deriva dal verbo  下さる.  Oppure いらっしゃいませ= (“benvenuto”) deriva dal verbo いらっしゃる.

Vediamo un esempio di una frase idiomatica come può cambiare a seconda del livello di formalita. Consideriamo la frase “ come stai”?

·       Livello informale: 元気 ?

·       Livello formale, ad esempio verso un collega:   お元気ですか。

·       Livello molto formale, ad esempio verso un superiore: お元気でいらっしゃいますでしょうか。

·       Risposta molto formale ad un superiore お元気でございます。


Dare e ricevere

Prende maggiormente senso anche la lezione 45 sui vari modi di usare i verbi dare e ricevere. Per completezza riportiamoli anche qui:

Dare ad un “inferiore”, anche animali                       やる

Dare ad un uguale                                                       上げる   ( Lettura: あげる)

Dare ad un “superiore”                                               差し上げる ( Lettura: さしあげる, nel dubbio, questo è il verbo da usare)

Un “inferiore” che da a me                                        呉れる ( Lettura: くれる)

Un “superiore” che da a me                                       下さる ( Lettura: くださる)

Se non si parla di persone                                          与える ( Lettura: あたえる)

Fare un favore ad un “inferiore”, anche animali       やる

Fare un favore ad un uguale                                       上げる   (Lettura あげる)

Fare un favore are ad un “superiore”                         差し上げる (Lettura: さしあげる,nel dubbio, questo è il verbo da usare)

Un inferiore che fa un favore  a me                           呉れる (Lettura: くれる)

Un superiore che fa un favore  a me                          下さる ( Lettura: くださる)



Usare  ご oppure お?

Come regola generale, ma non sempre valida, la onorifica si usa prima delle parole aventi origine giapponese, si usa prima delle parole cinesi.


Nessun commento:

Posta un commento